Vademecum per l' acquisto di un cane

Vademecum per l’ acquisto di un cane

L’ acquisto di un cane non può essere paragonato a quello di un bene, è dunque d’ obbligo fare alcune considerazioni prima di passare ai consigli d’ acquisto veri e propri.

Se non siete veramente amanti dei cani di razza sarebbe consigliabile oltre che un dovere morale andare a fare una visitina ai canili e adottare piuttosto che comprare. Queste strutture sono sempre piene di animali bisognosi d’ affetto e cure e in molti casi è possibile trovare animali con pedigree.

DOMANDE PRE – ACQUISTO DI UN CANE

  • Desidero realmente un cane?
  • Ho abbastanza tempo da dedicargli?
  • Sono un vero amante degli animali o lo prenderei senza un’ appartente motivo?
  • Ho dei figli e che età anno?
  • Ho un giardino? Se si è adeguatamente recitanto e di una sufficiente metratura per ospitare l’ animale?
  • Sono in grado di occuparmi dell’ animale per i prossimi 10 /20 anni senza far scemare l’ euforia dell’ acquisto?

CONSIGLI SUL TIPO DI RAZZA DEL CANE

Ogni razza o pedigree di cane ha le proprie caratteristiche fisiche ma soprattutto comportamentali, molto spesso si tende a scegliere un cucciolo solamente per il fattore estetico. E’ bene dunque documentarsi adeguatamente (riviste del settore, libri, internet o semplicemente il proprio veterinario di fiducia). E’ bene ricordare che è necessario tenere in considerazione anche la taglia, è impensabile tenere in appartamento un cane di grande taglia, finirebbe per soffrire e sentirsi oppresso tanto quanto in una gabbia.

ALLEVAMENTO, CANILE O FIERA

Come già sottolineato in precedenza prima di tutto sarebbe consigliabile visitare i canili, ma se proprio non potete fare a meno di un animale di razza recatevi in più allevamento o fiere del settore. Un buon allevatore si mostrerà da subito interessato alle condizioni in cui verrà tenuto l’ animale, un cattivo allevatore invece fornirà solo delle buone ragioni per comprare il suo “prodotto”. Diffidate dunque di chi fa poche domande e offre solo risposte, ma questo vale un po’ per tutti gli acquisti.

E’ importantissimo verificare le condizioni complessive del cucciolo, fate quindi in modo di vedere i genitori (è bene evitare allontanamenti precoci cioè precedenti di due mesi dalla nascita). Questo è un metro di giudizio da considerare fondamentale anche per non incorrere inavvertitamente in animali trafficati con l’ Est Europa. Molto spesso infatti gli allevatori senza scrupoli ospitano grandi quantità di animali che hanno dovuto passare realmente le pene dell’ inferno.

Durante le fiere o mercati del settore è bene stare molto attenti perchè proprio in questi ambienti ricchi di molte varietà di razze e animali è più probabile una proliferazione delle malattie ed è proprio in questi luoghi che avvengono le maggiori vendite di cuccioli trafficati illegalmente.

CARTE D’ ACCOMPAGNAMENTO DEL CANE

Il cucciolo dovrà essere accompagnato da un libretto di vaccinazione compilato integralmente. In questo libretto d’ accompagnamento dell’ animale dovrà essere indicata la data di nascita precisa e i trattamenti antiparassitari, nonchè le vaccinazioni già effettuati da parte di un veterinario.

ASPETTO DEL CANE

L’ animale deve presentarsi pulito, ben nutrito e abbastanza amichevole oltre che attivo. Non deve invece avere pulci, naso sporco,  presentare croste su orecchie e / o pelo.

GARANZIA SULL’ ACQUISTO DI UN CANE

Come un qualsiasi altro bene anche gli animali presentano una garanzia, per farla breve se vi accorgete che il cucciolo da voi acquistato presenta delle malattie che possono essere ricondotte a periodi precedenti all’ acquisto è possibile essere tutelati come un qualsiasi altro bene. La garanzia è ovviamente valida se vi affidate a venditori seri e rintracciabili.

CONSIGLI POST-ACQUISTO DI UN  CANE

Ricordate che l’ acquisto di un cane va regolamento e segnalato alla ASL o all’ anagrafe canina di residenza. Il certificato di proprietà dell’ animale dovrà accompagnarlo fino alla morte e dev’ essere fatto dal compimento del secondo mese di vita, inoltre c’è anche l’ obbligo dell’ installazione del microchip identificativo.