Archivi autore: Giovanni

Smart Ecocittà

Il risparmio degli immobili classe A e A+

La crisi è la protagonista degli ultimi mesi ma è in momenti come questi che la pianificazione e la progettualità consentono a molti settori di ripartire e costruire i successi del futuro. Anche nel mercato immobiliare, probabilmente uno dei più colpiti dalla regressione, si guarda avanti facendo leva sull’ecosostenibilità e le città del domani.
Il futuro sarà caratterizzato da regolamenti edilizi sempre più severi in materia di efficienza e sostenibilità. Proprio per questo le filiere dei materiali innovativi maturano e l’edilizia sostenibile diventa sempre meno cara rispetto all’edilizia tradizionale.

Vivere in immobili sostenibili significa migliorare la propria qualità della vita e risparmiare senza rinunciare ai comfort.

Il risparmio è legato alle bollette meno care dovuto al consumo energetico minore di una casa in classe A o A+. A fare la differenza tra gli altri elementi vi sono gli impianti di alta efficienza energetica, la ventilazione meccanica controllata e l’isolamento termico dell’involucro edilizio.

L’isolamento termico è molto importante perché riduce gli scambi termici tra l’interno e l’esterno e pertanto permette di non disperdere il calore in inverno e di non surriscaldare gli edifici in estate. Tutto questo si traduce in un minor consumo di combustile (in inverno) e di elettricità (in estate). In una casa ad alta efficienza energetica anche gli impianti devono essere energeticamente molto efficienti e molto spesso questi edifici producono più energie di quella che consumano. Sono edifici, infatti, che sono dotati di impianti che utilizzano le energie rinnovabili.

È stata stimata intorno al 30% la riduzione dei consumi di energia in una casa ad alta efficienza energetica. Questi dati si traducono in un risparmio per coloro che abitano l’edificio (proprietario o affittuario) e in un ridotto rischio di deprezzamento qualora venisse venduto.

Certamente, non sono trascurabili i vantaggi che si ottengono in termini di salute e produttività di chi vive o lavora negli edifici classe A o A+. È stato dimostrato, infatti, che negli edifici costruiti rispettando determinati criteri aumenta il benessere fisico.

L’importanza di questa tipologia di immobili si sta diffondendo, ma sarebbe ancora meglio se questi edifici venissero inseriti in un contesto sempre più sostenibile. Il benessere degli abitanti, infatti, aumenterebbe se il concetto e le pratiche green fossero allargate al quartiere e alla città.

E’ quello che sta avvenendo ad esempio nel centro Italia, a Porto Potenza Picena, dove il progetto Ecocittà mira a modificare il volto della cittadina marchigiana fornendo un modello di vivere sostenibile.
Il nuovo quartiere sorgerà al posto di li dove c’era un’area industriale abbandonata e prevede un impegno economico di 100 milioni di euro frutto di un investimento del Fondo Immobiliare Ecocittà formato da investitori italiani e stranieri e gestito dalla Sgr Namira.

Il progetto Ecocittà prevede alloggi per circa 500 famiglie e con unità abitative di diversa metratura, dai bilocali in vendita a partire da 113.000€ ai quadrilocali alle villette di prestigio. Tutti gli edifici avranno standard di isolamento termico elevati grazie anche ai piccoli ma significativi accorgimenti, come i rivestimenti sulla facciata che ombreggiano evitando il caldo estivo.

Oltre agli alloggi caratterizzati dalla classe energetica A e A+, l’autosufficienza e l’ecosostenibilità del quartiere sarà garantita dalla presenza di grandi aree verdi, parcheggi, piste ciclabili, servizi e piazze.

Per quanto riguarda le abitazioni nella fase attuale la Generale Costruzioni di Castelfidardo sta lavorando su tre lotti, di cui uno a completa funzione residenziale mentre due ad indirizzo promiscuo, con unità abitative e commerciali. Il termine per la realizzazione di questi lotti è fissato per il primo semestre del 2014 mentre il progetto dovrebbe essere realizzato entro i prossimi 6 anni.

Conto deposito o vincolato?

Conti deposito: liberi o vincolati?

Nella precaria situazione economica in cui versa il nostro paese, i risparmiatori italiani tendono sempre più a ricercare il tipo di finanziamento e di conto più adatto alle proprie esigenze. In questo panorama, si fa sempre più strada l’utilizzo del conto deposito.

COS’E’ UN CONTO DEPOSITO

Sempre di più l’attuale risparmiatore italiano vede nell’apertura di un conto deposito la soluzione più consona ai propri problemi. Ma cos’è un conto deposito? Il conto deposito è un tipo di conto per cui è possibile custodire in banca il proprio denaro e farlo fruttare. Rispetto a un conto corrente classico, versando la propria liquidità su un conto deposito si ottiene un rendimento maggiore sulla somma depositata: poiché il conto non prevede la mobilità del deposito, la banca si ritrova capitale da ridistribuire. Per questo motivo il vantaggio di questo tipo di conto consiste nel poter godere di interessi più elevati rispetto a quelli offerti da un normale conto corrente.

DIFFERENZA TRA CONTO DEPOSITO LIBERO E VINCOLATO

Esistono due tipologie di conto deposito, quello libero e quello vincolato. Il conto deposito non vincolato, detto anche libero, consente al risparmiatore di poter accedere immediatamente alle somme depositate offrendogli sempre un rendimento positivo. Il conto deposito non vincolato si sposa perfettamente con quel tipo di cliente che può avere un’improvvisa necessità di dover disporre di somme di denaro che in questo modo può subito prelevare. Il conto deposito non vincolato deve però “appoggiarsi” a un conto corrente tradizionale. I tassi d’interesse che la banca offre per il conto deposito non vincolato risultano sempre molto fruttuosi. Di contro, il conto deposito vincolato permette di prelevare le somme depositate solo alla scadenza della durata del vincolo che viene precedentemente definita con la banca. Questo periodo può variare da uno a trentasei mesi. Il conto vincolato offre dei rendimenti con tassi d’interesse ancora più elevati rispetto al conto deposito non vincolato e che dipendono anche dal numero di mesi previsti dal vincolo. In caso di scioglimento anticipato del conto, le banche possono anche prevedere e applicare delle penali o non tener affatto conto degli interessi maturati fino alla suddetta chiusura del conto. Per questi motivi, il conto deposito vincolato è più adatto a chi non ha necessità di usufruire delle somme depositate nel breve termine e può quindi tenere “parcheggiato” il proprio denaro a lungo senza problemi. Visti i tempi di crisi in cui navighiamo, probabilmente stipulare un conto deposito non vincolato può risultare più conveniente perché si può chiedere un prelievo quando necessario. L’unico svantaggio è legato però ai tassi d’interesse, dato che quelli previsti dal conto deposito non vincolato sono più bassi rispetto a quelli del conto vincolato. Inoltre, per la stipula di conti deposito, gli istituti bancari offrono soluzioni a zero spese, mentre per depositi superiori ai cinquemila euro bisogna tener conto delle imposte di bollo e delle tasse sugli interessi maturati. Per decidersi tra un conto deposito non vincolato o vincolato, bisogna vagliare il tasso d’interesse posto dalla banca, come viene calcolato e se viene pagato alla fine o all’inizio del deposito.

Ginevra

Come risparmiare per un viaggio a Ginevra

Il primo consiglio per iniziare da subito a risparmiare sui costi di un viaggio a Ginevra riguarda l’acquisto del volo aereo. Piccola parentesi: arrivarci “volando” non è un obbligo visto che, per chi parte dal nord Italia, sono disponibili quattro treni in partenza dalla Stazione di Milano, alcuni dei quali transitano anche da Venezia. Questa soluzione però ha due problemi: il primo riguarda la durata del viaggio, piuttosto lunga, il secondo è il costo, non sempre competitivo rispetto all’aereo.

Sui voli è invece possibile trovare diverse offerte sia di compagnie low cost sia di quelle di bandiera. I collegamenti aerei diretti sono disponibili tra Ginevra e l’aeroporto di Roma Fiumicino; ce ne sono diversi durante l’arco della giornata, tempo di volo di circa 2 ore, e sono effettuati dalle compagnie low cost Darwin Airlines ed EasyJet, o in alternativa si va sul classico, ma a costi leggermente più alti, scegliendo tra le compagnie di bandiera Alitalia o Lufthansa. In media, prenotando per tempo, si riesce contenere le spese di andata e ritorno sotto i 200 euro.

Per pernottare negli hotel di Ginevra, ci sono varie opzioni, prenotando anche su internet tra le offerte che il web propone. Un volta arrivati sul posto la città è assolutamente ben organizzata, con una rete di trasporti pubblici capillare e puntuale. Ecco perché per risparmiare, si consiglia di muoversi su trasporto pubblico piuttosto che su taxi o con mezzo proprio, magari acquistando biglietti di durata giornaliera dal costo di circa 10 franchi svizzeri, equivalenti a meno di 9 euro, tenendo conto che un biglietto di corsa semplice costa circa due franchi svizzeri.

Per mangiare non c’è che l’imbarazzo della scelta. Ginevra è piena di città satura di cultura, organizzazioni internazionali, e ricca di parchi dove potersi rilassare e godere a pieno l’alta qualità della vita.

Cucciolo

La cura e la pulizia dei nostri amici animali: consigli utili

Vivono affianco a noi, molto spesso nelle nostre stesse case a contatto con i nostri figli. Sono gli animali domestici. La presenza di questi “amici particolari” nei nostri ambienti apporta certamente effetti benefici agli equilibri famigliari ma allo stesso tempo impone la presa in carico di abitudini e piccole routine che assicurino all’animale quel benessere minimo per vivere dignitosamente in ambienti non naturali per loro come le case.

Tre i punti da considerare con maggiore attenzione: l’alimentazione, la pulizia e le cure mediche. La pulizia e l’alimentazione sono i punti di primaria importanza perché riguarda il benessere dell’animale ma anche quello umano in quanto previene allergie ed il passaggio di infezioni, e per questo deve essere preso in altissima considerazione.

E’ importante scegliere i prodotti giusti per quello che riguarda l’alimentazione dell’animale, per la quale andrebbero, considerando con attenzione quali sono i cibi indicati, la loro somministrazione e la quantità che varia in base al peso ed all’età. Per questo un riferimento utile potrebbe essere quello di visitare il sito Hill’s Pet, dove puoi trovare consigli sia sull’ alimentazione dei gattiche dei cani. Un modo facile e veloce per scegliere gli alimenti più adatti al benessere del vostro amico a quattro zampe.

Ogni razza necessità di toilettature ad hoc, con frequenze e metodologie specifiche. Il fai da te va bene se è consapevole: l’epidermide degli animali reagisce diversamente rispetto a quella umana a cosmetici e prodotti chimici visto il diverso ph dei loro tessuti. Per questo è consigliabile sempre l’utilizzo di prodotti specifici per la razza del nostro animale e nelle quantità specificate nel libretto di istruzione.

Nel caso si determinino reazioni allergiche dell’animale verso il prodotto detergente utilizzato, è bene recarsi immediatamente da un medico veterinario per un consulto.

Infine, ma non per importanza, la salute. La legge italiana prevede precise regole per le vaccinazioni degli animali da compagnia e per la loro registrazione; il rispetto di queste regole non è solo un dovere civico ma è innanzitutto un dovere nei confronti dell’animale in quanto tali vaccinazioni servono a garantirgli un’aspettativa di vita maggiore, oltre a proteggere chi vive intorno all’animale stesso. Non solo vaccinazioni: la cura degli animali passa anche attraverso una serie di pratiche periodiche come la misurazione della temperatura corporea quando ed il controllo della pulizia degli apparati visivi ed uditivi, consigliabili quando questi controlli sono possibili anche a casa senza ferire l’animale.

Lenti a contatto

Risparmiare comprando le lenti a contatto su internet

Una vecchia pubblicità chiedeva: “Perché pagare di più?”. In effetti in tempi di crisi economica come questi ha ancora meno senso continuare ad acquistare presso il rivenditore X lo stesso ed identico prodotto Y che dal venditore Z troveremmo a prezzo più basso. Un’idea moto semplice ma non sempre applicata, che però è alla base del nuovo boom del commercio online anche per l’acquisto di lenti contatto.

Un mercato ancora poco conosciuto e che in parte risente di un retaggio storico che ci ha abituati a pensare che certi prodotti così altamente tecnologici e delicati fossero acquistabili solo in farmacia o presso i migliori negozi di ottica.

Ma oggi non è più così ed anche per le lenti a contatto è possibile farsi un giro su internet e vedere come i tanti rivenditori online presenti si scatenino a colpi di offerte sempre più vantaggiose. La qualità, i materiali e la durata delle lenti acquistate online, a parità di marchio, sono assolutamente gli stessi di quelle acquistate in un negozio tradizionale, come puoi anche constatare in questo sito.

Il risparmio promesso non è dunque figlio di un minor tasso qualitativo quanto invece dalle economie di scala che il commercio online è in grado di garantire a chi vende, venendo abbattuti molti dei costi logistici tipici di chi vende invece in negozio.

Se sulla qualità c’è poco da discutere, sulla quantità e sulla varietà di scelta l’acquisto di lenti a contatto online non teme paragone. È possibile trovare lenti a contatto di diversa durata: dalle giornaliere alle quindicinali ed anche le mensili. Sono disponibili prodotti per ogni tipo di necessità di correzione della vista, come le lenti toriche, multifocali o progressive.

Ma non solo. Online è anche possibile acquistare le lenti a contatto colorate, nuova tendenza del momento, che permettono di dare un colore ogni giorno diverso ai propri occhi in tutta sicurezza e senza alterare l’effetto visivo.