Dove portare i tappi di plastica

La leggenda della raccolta dei tappi di plastica è ormai divenuta una vera e propria realtà negli ultimi anni. Il progetto è nato nel 2003 grazie alla Caritas diocesana di Livorno in collaborazione con il Centro Mondialità Sviluppo Reciproco a cui si deve questa importante iniziativa di raccolta. I proventi ricavati dalla raccolta dei tappi di plastica in PE vanno a finanziare l’ approvigionamento idrico a Dodoma (una regione della Tanzania). L’ iniziativa (puramente ecologica e senza scopo di lucro) della Caritas non si limita alla conversione in denaro della raccolta dei tappi, ma ha una finalità anche e soprattutto ecologia e di sensibilizzazione delle persone ai problemi ambientali.

PERCHE’ I TAPPI VANNO RACCOLTI SEPARATAMENTE?

Il materiale con cui vengono costruiti i tappi è il polietilene (PE), mentre le bottiglie sono costruite con il polietilene tereflatato (PET), non serve essere un chimico per capire che i due materiali non possono essere riciclati assieme e quindi dovrebbero essere separati e gestiti separatamente. Le ditte di riciclaggio di bottiglie di plastica spendono denaro nella separazione della bottiglia dal tappo, dunque la separazione del tappo dalla bottiglie sgrava la ditta da questo lavoro. I tappi ovviamente hanno un valore economico (anche se molto basso) ed è per questo che se accumulati in ingente quantità possono essere convertiti in denaro che in questo caso andrà ad aiutare iniziative di beneficenza come quella della Centro Mondialità Sviluppo Reciproco.

PERCHE’ NON RACCOGLIERE ANCHE LE BOTTIGLIE?

Le bottiglie di plastica in PET hanno un valore sicuramente superiore ai tappi delle bottiglie stesse, il problema della raccolta sarebbe in primis legale, infatti la raccolta delle bottiglie è concessa in esclusiva a società in appalto a livello locale. Non essendoci leggi in materia di raccolta e smaltimento tappi, la Caritas di Livorno ha pensato di avviare questa iniziativa nella piena legalità (anche se come già detto l’ introito economico è minore).

CHI PUO’ PARTECIPARE

Tutte le persone possono partecipare a questa importante iniziativa di beneficenza, infatti ogni volta che viene gettata una bottiglia di plastica basta ricordarsi di togliere il tappo e conservarlo accuratamente, una volta raggiunto un certo numero di tappi bisognerà limitarsi a portare i tappi raccolti in un centro di raccolta autorizzato. Alcuni tipi di tappi non sono adeguati alla raccolta: tappi d’ olio, tappi di farmaci, tappi di dentifricio, tappi di creme, tappi di cosmetici, tappi spruzzatori e tappi con corona di metallo

QUAL’E’ IL VALORE DI UN TAPPO DI PLASTICA IN PE?

Una tonnellata di tappi (circa 400.000 pezzi) corrispondono a circa 170 euro, il costo unitario è ovviamente molto basso e il fatto che la loro raccolta non implichi un particolare impegno e difficoltà fa si che questo sia un piccolo gesto ma di grande importanza per la popolazione della Dodonia.

Noi consigliamo…